“How does it feel to be on your own with no direction home, like a complete unknown, like a rolling stone?”

Standard

Era l’aprile del 1961 quando un ragazzino di nome Robert Allen Zimmerman, originario di Duluth (Minnesota), scappò di casa per inseguire i sogni di gloria approdando a New York.

Con la sua voce nasale, i modi imperscrutabili e i testi pungenti, il menestrello di Duluth divenne ben presto il simbolo della nuova generazione folk.

Nel 1965 Bob Dylan si innamora della musica elettrica e introduce elementi beat e blues nelle sue canzoni. Emblema della sua rivoluzione stilistica è “Like a rolling stone”, quella che secondo la rivista musicale “Rolling Stone” è la più grande canzone di tutti i tempi.

Fu scritta da Dylan proprio nel 1965 per entrare a far parte dell’album “Highway 61 Rivisited” e la sua base non è fatta di musica, bensì di venti pagine in cui l’autore sfoga la sua rabbia contro un destinatario ignoto. In realtà alcuni lo identificano in Edie Sedgwick, un’attrice/modella della Factory di Andy Warhol per la quale Dylan scrisse anche “Just like a woman” sempre nello stesso anno.

La pietra che rotola, metafora della solitudine, è un’immagine spesso utilizzata nella scena musicale blues e folk: “How does it feel? How does it feel to be on your own with no direction home, like a complete unknown, like a rolling stone?”.

Like a rolling stone” è stata riproposta da molti artisti in memorabili cover tra cui quelle dei grandi Jimi Hendrix e Rolling Stones. Ancora oggi questa narrazione musicale continua ad influenzare artisti di tutto il mondo, come Francesco de Gregori che la cita esplicitamente nel brano “Tutto più chiaro da qui”.

Controcorrente nelle vene e coerente con i suoi testi, Bob Dylan non ha intrapreso la via della solitudine, non ha scelto di “rotolare come una pietra” ma di continuare a nutrire la propria anima con ciò che di più puro e trascendentale possa esistere: la poesia e la musica.

(Leggi anche Lui, lei e l’altra: Bob Dylan, Joan Baez e Sara Lownds)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...